01 gennaio, 2017

2017


E alora: bon duemilaediciassette!
Nun volevo allargamme co l’auguri:
aspettavo la fine a chiappe strette
der sedici, facenno li scongiuri.

È stato ‘n’anno solo de disdette,
anno bisesto, troppi giorni scuri.
Io me sento aridotta un po’ a porpette,
ma spero che sta sfiga nun perduri.

Annamo avanti, damoce da fà,
nun lassamo le cose come stanno
cercamo, si se pò, de mijorà.

Passato finarmente er capodanno,
v’auguro solo la normalità:
una vita serena e senza affanno  

1 commento:

gelo stellato ha detto...

Anche a te, Gloria.
E il 17 porta buono, a noi tipi bisesti :)
Buon anno!